26 aprile 2008

UN SORRISO LUNGO UN ANNO

A pochi chilometri da qui, ma in un luogo dove è molto difficile arrivare per via della strada stretta e sconnessa, si trova un villaggio chiamato MUSONIA popolato da persone che hanno in comune una caratteristica: sembrano tutti tristi e pensierosi perchè la loro bocca è piegata in giù, proprio come una mezzaluna capovolta.

Qualche scienziato si è recato in questo posto per studiare lo strano fenomeno, insieme a qualche dottorone munito di pozioni dai colori brillanti, rosa fucsia e giallo limone, da somministrare agli abitanti mattina e sera.
Niente da fare.

Il sindaco di MUSONIA provò ad interpellare alcuni clown di un Circo che un giorno passava lì vicino per caso con i suoi carrozzoni colorati, convinto che potesse essere una buona soluzione .....
Fu organizzato uno spettacolo esilarante, con i clown che ne combinavano di cotte e di crude, ma ... niente di fare ... tutti gli abitanti di Musonia uscirono da lì con la loro mezzaluna capovolta stampata in faccia.

Da quel giorno ben pochi si avventurarono a percorrere le strade di quel paese e chi ci capitava per sbaglio non vedeva l'ora di andarsene per paura di essere contagiato da tutta quella tristezza!!

Un giorno però accadde un fatto straordinario: le campane del paese si misero a suonare a festa e furono appesi due enormi fiocchi sul portone di una piccola abitazione proprio lì vicino: uno era rosa ed uno azzurro!

Grande festa!!! da molto tempo a Musonia non nascevano bimbi, e tutta la popolazione corse a festeggiare i nuovi arrivati!!!!!!

Purtroppo ben presto si sparse una voce, dapprima sussurrata poi sempre più insistente: i due bambini erano "strani", avevano un "nonsochè che non andava", una "strana malformazione" si disse, e la proccupazione si sparse nel paese, rendendo quei visi così tristi, se possibile, ancora più lugubri.

Un vecchia un pò sdentata, da tutti chiamata Nonna Bacucca, famosa per i suoi racconti che lasciavano senza fiato, venne ad informarsi ed a valutare la situazione.
Si avvicinò alle culle, esaminò i piccoli,.....sgranò gli occhi e cominciò ad emettere degli strani suoni, dei bofonchi, degli sbuffi ... e tutti quelli lì intorno videro che le sue guance avvizzite cominciarono a cambiare forma e la sua bocca piano piano si aprì in un enorme e sdentato sorriso.

Ci fu un oooooooooooh generale di meraviglia.
Per la curiosità tutti vollero sbirciare dentro le culle, dove i due neonati dormivano placidi con due splendidi sorrisi stampati sulla faccia. Le loro boccucce sorridevano e quella piccola "malformazione" all'insù era quanto di più bello avessero visto fino ad oggi gli abitanti di Musonia.

Piano piano tutti cercarono di imitare quella gioiosa espressione, chi con più facilità chi con più fatica e tutti i bimbi di quel paese la impararono così bene da non togliersela dal viso nemmeno mentre dormivano.

**********************************************************

Con questo post ho scelto di aderire ad un'iniziativa del blog "Comicomix" che ha posto l'attenzione su una malattia chiamata Neuroblastoma: è un tumore che colpisce i bambini e rappresenta la principale causa di morte in età pediatrica.
L'iniziativa consiste nello scrivere un post che riguarda il sorriso e segnalarlo a questo indirizzo: Alex@comicomix.com .
La Comicomix pubblicherà tutti i post e alla fine dell'anno invierà una donazione di 2 euro per ciascuna adesione avuta.
Qui accanto troverete un banner con un orsetto: cliccate e troverete tutte le informazioni per pertecipare anche voi numerosi.
Per ulteriori notizie potete andare su NEUROBLASTOMA


Aderisci per favore perchè..
..OGNI SORRISO CHE NON HAI E' UN SORRISO CHE NON DAI..
..e tanti bambini han bisogno anche del TUO sorriso!!


Image Hosted by ImageShack.us

10 commenti:

Kaishe ha detto...

PRIMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Plaudente alla bellissima storia...

Ciao Paolettina... non trovi che più o meno i nostri post si assomiglino?

PAOLA ha detto...

LICIA
sono allibita ed anche un po' imbarazzata .......
sembra che io non abbia avuto niente di meglio da fare che scopiazzare il tuo post .....
in realtà non l'avevo ancora letto!!! L'ho fatto ora, dopo aver visto il tuo commento.
E questo mi lascia allibita per come abbiamo affrontato ambedue questo tema "prendendolo" per lo stesso verso.
Sono basita.
(L'idea mi era venuta basandomi sulla storia del Drago dormiglione che vive a Dragonia e che sto leggendo in questi giorni alla piccola).

Kaishe ha detto...

Paola... a me invece ha fatto molto piacere... e l'ho attribuito al nostro essere madri... e quindi avezze a "favoleggiare" su molte cose per arrivare a trasmettere delle morali a figli/e...

PAOLA ha detto...

Licia ..
sto raccontando l'episodio a Denise........stiamo leggendo i due post .......

Kaishe ha detto...

Ciao care... io purtroppo sto uscendo:
1 - prove di coro
2 - catechesi al paese vicino
3 - visita cognato
4 - se Dio vuole rincaso.........

PAOLA ha detto...

LICIAAAAAAAAAAAAAAA
notizie di tuo cognato???????

Kaishe ha detto...

Paoletta... sono rientrata mezz'ora fa dall'ospedale... Notizie disastrose... siamo sufficientemten abbattuti perchè i medici ci hanno detto di essere realisti e di non avere aspettative positive...

Mia sorella si stava già illudendo che stessimo camminando verso la soluzione e oggi questa mazzata...

NYY ha detto...

a sto punto
SECONDOOOOOOOOOOOOOOOOOooo

ottimo post e poi serve a contribuire ...

Anonimo ha detto...

ke bella storia.....stavo pensando ke fino a qualche tempo fa ank'io facevo parte degli abitanti di MUSONIA,ma poi la mai vita è cambiata....LaUrA

Balua ha detto...

PAOLA.. GRAZIE X AVER ADERITO!!!

E IL TUO POST E' BELLISSIMO!!!!!